Traffici in crescita nei porti dell'Autorità di Sistema nel…

20-07-2018

Crescono i traffici dei passeggeri e delle merci nei porti dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale nel primo semestre 2018. Il porto di Ancona registra una crescita del +13,1% dei passeggeri tra traghetti e crociere e un aumento del +3,3% del movimento dei tir e dei trailer sui...

Read more

Porto di Ancona: oltre 30 mila passeggeri e tre navi da croc…

12-07-2018

Crescono i traffici passeggeri, veicoli e tir rispetto allo stesso week-end del 2017 Sabato in porto il gioiello dei mari Sea Princess nave da crociera impegnata in un tour intorno al mondo Il porto di Ancona entra nel vivo della stagione estiva. Tre le crociere che toccheranno il porto in questo fine...

Read more

Ancona: linee di indirizzo su impianti silos darsena marche

28-06-2018

Il 31 dicembre 2019 scadranno le concessioni alle società Silos Granari della Sicilia srl e Sai srl che gestiscono i silos utilizzati per i traffici dei cereali nella darsena Marche dell’area commerciale del porto di Ancona. Su queste concessioni e sull’utilizzo degli spazi portuali su cui sono situati i silos...

Read more

ANCONA: 800 bambini a "Ti porto in porto"

21-06-2018

Sono stati oltre 800 gli alunni delle scuole primarie che hanno visitato il porto di Ancona partecipando alla quarta edizione di “Ti porto in porto”. Il progetto dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale, cui hanno partecipato 2.800 ragazzi in quattro anni, prevede visite guidate gratuite per le scuole...

Read more

ANCONA: lavori demolizione incompiuta zona commerciale

20-06-2018

Sarà firmato entro questo mese il contratto che darà il via ai lavori di demolizione della cosiddetta “Incompiuta” che si trova nell’area del porto commerciale, una struttura obsoleta interna alla zona doganale della darsena Marche. I lavori sull’area erano stati interrotti negli anni ’90 dall’ente che gestiva le banchine dello scalo a causa...

Read more

PORTO DI ANCONA: la settimana delle crociere

15-06-2018

La prossima sarà una settimana intesa per il traffico crocieristico. Nel porto di Ancona approderanno, infatti, tre navi su cui vivere una vacanza nel Mediterraneo. Domenica 17 giugno attraccherà la Marella Celebration della compagnia Marella Cruises. Una nave che nasconde la poesia nel suo nome. Marella, in celtico, significa “mare...

Read more
Tutte le News

Parere favorevole al Piano regolatore portuale di Ortona da parte del Comitato di gestione dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale. Il procedimento si era fermato nel 2015 dopo che la Capitaneria di porto aveva completato la sua istruttoria. Con l’avvio delle attività dell’Autorità di sistema, in tempi ristretti, si è potuto analizzare il documento e formulare il parere approvato dal Comitato di gestione. I prossimi passi prevedono la Valutazione ambientale strategica da parte del Comune di Ortona e l’approvazione definitiva da parte della Regione Abruzzo.
Il nuovo Piano regolatore portuale di Ortona aggiorna la programmazione delle infrastrutture in un’ottica di mercato di lungo periodo specializzando la destinazione degli spazi in maniera da aumentare l'efficienza operativa, la competitività dello scalo e la sicurezza dei lavoratori. La delibera approvata dal Comitato di gestione dell’Adsp potenzia le infrastrutture esistenti e aumenta le superfici a disposizione in modo da consentire l’aumento dei volumi di traffico che oggi risentono delle limitazioni attuali dello scalo. Una particolare attenzione viene posta dal Piano alle connessioni ferroviarie e stradali.
Il Piano prevede una superficie di 44 mila metri quadrati per un terminal specifico per i traghetti, 151 mila metri quadrati destinati alle attività industriali e oltre 280 mila metri quadri per il terminal commerciale. Il nuovo terminal passeggeri e crociere avrà una banchina di oltre 390 metri e un piazzale di 16.900 metri quadrati. Al porto pescherecci viene destinata una superficie di oltre 22 mila metri quadri mentre l’area per la nautica da diporto sarà di 62 mila metri quadrati. Sono circa 40 mila i metri quadri a disposizione dei cantieri navali. Il nuovo Piano regolatore portuale prevede anche un terminal di più di 46 mila metri quadrati per i prodotti chimici e petroliferi e un intervento di dragaggio per una profondità del bacino portuale tra i 10 e i 13 metri.
“La prossimità tra la fonte decisionale e il territorio – commenta il presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale, Rodolfo Giampieri - è fondamentale per conseguire questi risultati in tempi compatibili con le esigenze degli operatori che stanno sul mercato”.